Guida di Isola del Liri a cura degli studenti dell'ITIS R.Reggio

Liri Blues Festival

Programma della manifestazione e informazioni


Liri Blues Festival


Festival Internazionale del Blues



La manifestazione è da sempre gratuita in quanto si svolge in una pubblica piazza, ma principalmente perchè il festival è -nalizzato come unico obiettivo alla crescita della città, sia in termini economici che di qualità della vita.



storia


La manifestazione è da sempre gratuita in quanto si svolge in una pubblica piazza, ma principalmente perchè il festival è -nalizzato come unico obiettivo alla crescita della città, sia in termini economici che di qualità della vita.


 


 



Nato nel 1988, il Liri Blues si svolge nel mese di luglio nell'arco di una settimana ed è gratuito sin dalla sua prima edizione. Ai concerti, che hanno luogo nella centrale Piazza De' Boncompagni, si affiancano le jam sessions notturne e la musica nelle strade di Isola del Liri, cittadina che ha la particolarità di avere una cascata di 28 metri nel centro storico[2].


 


Dopo i primi anni il festival diventò itinerante, toccando anche altri centri della Ciociaria. Successivamente la manifestazione è diventata stanziale e tuttora si tiene esclusivamente nella 'Città delle Cascate'. Alcune edizioni hanno avuto luogo nell'area Boimond di Isola del Liri Superiore ed altre in Piazza SS. Triade, nel centro storico cittadino. La location attuale è Piazza De' Boncompagni, la stessa nella quale nell'88 vi furono i primi concerti.


 


Nei primi anni 2000 si sono svolte anche alcune edizioni invernali ("Liri Blues Winter") con famosi bluesmen italiani quali ad esempio Roberto Ciotti, Paolo Bonfanti, Fabio Treves.


 


La rassegna, oggi organizzata dalla Duke & Bird, ha sempre contato sul determinante apporto di collaboratori volontari e profondi conoscitori di blues come Mario Insenga (Blue Stuff), da sempre al fianco del festival.


 


Il festival diventa itinerante


 


Negli anni '90 la rassegna, pur restando fedele alla tradizione, si è gradualmente aperta a contaminazioni e generi diversi. Ad Isola Liri si sono esibiti musicisti come Jorma Kaukonen, Canned Heat, Art Ensemble of Chicago, Pentangle, Fairport Convention, Elliott Murphy, The Fleshtones. Questi ultimi, a concerto finito, offrirono addirittura un bis dalla stanza d'albergo situato dietro il palco.


 


Il taglio della manifestazione rimaneva però spiccatamente blues, con artisti quali Luther Allison, Son Seals, Jimmy Rogers. Fino al decennale la direzione artistica venne curata dalla Jazz'n'Arts, per poi consegnare il testimone alla Duke&Bird.


 


Nel '93 Edoardo Bennato, sotto le mentite spoglie di Joe Sarnataro, propose insieme ai Blue Stuff il particolarissimo blues partenopeo della turnée di È asciuto pazzo 'o padrone[3]. Suonò la sua armonica sul palco di PIazza Boncompagni, insieme a quella di James Cotton e alla fisarmonica di Rockin' Dopsie.


 


In questo periodo il Liri Blues ha cominciato ad allargarsi anche ad altre città, come Ferentino per i concerti jazz (Mike Stern, Yellowjackets) e Veroli per gospel e soul (Shemekia Copeland, The Soul Stirrers). Il cuore pulsante della manifestazione rimaneva però Isola del Liri, con concerti di mostri sacri come Bo Diddley.


 


Alla fine del decennio il festival arrivava a coprire ben 11 serate nelle città più suggestive della provincia (Magic Slim suonò nel borgo medievale di Fumone), sconfinando anche nella vicina Valle Roveto.


 


Il decennale e il gemellaggio con New Orleans


 


Il 7 gennaio 1997, in occasione del decennale della manifestazione, l'allora sindaco Bruno Magliocchetti e l'ideatore del festival, Luciano Duro, si recarono in Lousiana per firmare il gemellaggio tra i comuni di Isola del Liri e di New Orleans[1] e per ricevere dal sindaco Marc H. Morial la cittadinanza onoraria.


 


I festeggiamenti del gemellaggio proseguirono ad Isola del Liri, dove il clarinettista Alvin Batiste, maestro tra gli altri di Branford Marsalis, tenne un concerto insieme a musicisti locali e di New Orleans.


 


Batiste eseguì tra l'altro un brano jazz dal titolo "Isola del Liri", composto per l'occasione e inserito poi nell'album "Songs, Words and Messages, Connections"[4].


 


A testimonianza di un legame molto sentito anche a distanza di anni, in seguito ai gravi danni provocati dall'uragano Katrina nell'agosto del 2005, il Liri Blues volle dare un aiuto concreto ai musicisti di New Orleans messi in ginocchio da quella tragedia. Il 9 novembre dello stesso anno fu organizzato il "New Orleans Day", un concerto di beneficenza in cui suonarono Corey Harris (protagonista di "From Mali to Mississipi" di Scorsese) e diversi altri gruppi.


 



info:
www.liriblues.it
e-mail: info@liriblues.it
Associazione Culturale D&B o.n.l.u.s.
www.liriblues.itinfo@liriblues.it

Indietro: Alberghi


In evidenza
Isola Liri Home Page
Info e contatti
Liri Blues

Guida
Castello Boncompagni-Viscogliosi
Le cascate di Isola Liri

Eventi e Appuntamenti
Liri Blues
Mercato
Fiere e Sagre

Mangiare
Ristoranti
Trattorie
Pizzerie

Dormire
Alberghi

Aperitivi, Locali e Divertimento
Aperitivi, locali e divertimento

Sport e Attivitą



Tradizioni e Cultura locale

Previsioni Meteo
Meteo Isola del Liri

Immagini
Carnevale Isola del Liri tutti in maschera sotto la cascata

Galleria fotografica

Forum di discussione
Turismo in Ciociaria: problemi, idee e proposte
Opinioni sui servizi turistici
Opinioni dei turisti sul territorio
Elenco forum

I dintorni